Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.
Per ulteriori informazioni Clicca qui

Venerdì, 12 November 2021 19:33

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE CONTABILE - CATEGORIA “C” - POSIZIONE ECONOMICA “C1” – A TEMPO INDETERMINATO E PIENO.

IL RESPONSABILE DEL I SETTORE AFFARI GENERALI

  • in conformità a quanto stabilito dalla deliberazione di Giunta Municipale n. 23 del 23.3.2021, esecutiva ai sensi di legge, di approvazione del piano del fabbisogno triennio 2021/2023 e del piano occupazionale 2021, nonché della propria determinazione n. 264 del 12.11.2021, di indizione della presente procedura selettiva;

  • richiamato il vigente Regolamento sull’Accesso agli impieghi del Comune di Lacco Ameno, approvato con Deliberazione di G.C. n. 53 del 14.05.2008, e successive modifiche ed integrazioni;

  • in applicazione dell’art. 10 del D.L. 44/2021 per lo svolgimento dei concorsi relativi al reclutamento del personale delle pubbliche amministrazioni che vengono banditi nel corso della fase emergenziale della pandemia da Covid 19 e fino al 31 dicembre 2021 (come disposto dal D.L. 105/2021);

RENDE NOTO

che è indetto pubblico concorso per titoli ed esami per la copertura di n. 1 posto di Istruttore Contabile, categoria C, posizione economica C1, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e pieno.

L’Amministrazione comunale garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro in base alla L. 10.4.1991, n. 125 e a quanto previsto dall’art. 57 del D.Lgs. n. 165/2001 e ss.mm. e ii..

Il concorso sarà espletato con le modalità e i criteri di valutazione previsti dal vigente Regolamento sull’accesso agli impieghi di questo Ente e dalla normativa vigente in materia.

ART. 1

REQUISITI PER L'AMMISSIONE

  1. Per l’ammissione al concorso è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

    1. cittadinanza italiana. Tale requisito non è richiesto per i soggetti appartenenti alla Unione Europea, fatte salve le eccezioni di cui al D.P.C.M. n. 174/1994. Per i cittadini non italiani della Unione europea è richiesta una adeguata conoscenza della lingua italiana;

    2. titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado o titolo equipollente;

    3. godimento dei diritti civili e politici (anche negli Stati di provenienza o appartenenza in caso di cittadini italiani degli Stati membri dell’Unione Europea);

    4. non essere stati destituiti dall’impiego o destinatari di provvedimenti di risoluzione senza preavviso del rapporto di lavoro per cause disciplinari;

    5. non aver subìto condanne penali ritenute ostative alla nomina a pubblici impieghi;

    6. posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva per i candidati di genere maschile;

    7. idoneità fisica all’impiego, fatta salva la tutela per i portatori di handicap di cui alla L. n.104/92;

    8. buona conoscenza della lingua Inglese;

    9. buona conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

  2. Tutti i requisiti per ottenere l’ammissione al concorso devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda, a pena di esclusione.

  3. I candidati possono essere ammessi alla selezione con riserva in quanto l'Amministrazione si riserva di disporre in ogni momento con motivato provvedimento l'esclusione dalla selezione per difetto dei requisiti prescritti. L’accertamento della mancanza di uno solo dei requisiti prescritti per l'ammissione alla selezione e per l'assunzione, comporta in qualunque tempo la risoluzione del rapporto di impiego eventualmente costituito.

 

ART. 2

TRATTAMENTO ECONOMICO

  1. Al vincitore della selezione sarà attribuito il trattamento economico relativo alla categoria “C”, con posizione economica C1, previsto dai Contratti collettivi di lavoro per il comparto Regioni – Autonomie Locali, l’assegno per nucleo familiare, ove spettante, ed ogni altro emolumento previsto dalla contrattazione decentrata integrativa.

  2. Tutti gli emolumenti sono assoggettati alle ritenute previdenziali, assistenziali, fiscali, a norma di legge.

 

ART. 3

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE - TERMINI E MODALITA’

  1. Le domande di ammissione devono essere presentate esclusivamente tramite piattaforma telematica, compilando il relativo modulo on line appositamente predisposto, all’indirizzo https://tmconsulting.iscrizioneconcorsi.it, previa attenta lettura del Bando di Selezione.

  2. Per la registrazione sulla piattaforma il candidato deve essere in possesso di e-mail ordinaria personale (non pec) sulla quale riceverà utenza e password per l’accesso al sistema di iscrizione al concorso on-line.

  3. La compilazione della domanda deve essere effettuata secondo le specifiche tecniche rese disponibili sulla piattaforma on-line.

  4. La compilazione della domanda potrà essere effettuata 24 ore su 24 (salvo momentanee interruzioni per manutenzione del sito) da computer collegato alla rete internet e dotato di un browser di navigazione aggiornato tra quelli di maggiore diffusione (Chrome, Explorer, Firefox, Safari) che supporti ed abbia abilitati JavaScript e Cookie. Si suggerisce di effettuare l’iscrizione da PC portatile o fisso, in quanto la compatibilità con i dispositivi mobili (smartphone, tablet) non è garantita.

  5. Si consiglia di effettuare la registrazione e la compilazione per tempo, evitando di presentare la domanda in prossimità della scadenza, in quanto le domande non completate entro il termine indicato non saranno accettate dal sistema.

  6. La data di presentazione in via telematica della domanda di partecipazione alla selezione è certificata dal sistema informatico che, allo scadere del termine utile per la sua presentazione, non permetterà più l’accesso e l’invio del modulo elettronico. Il sistema rilascia il protocollo di presentazione della domanda.

  7. Il mancato rispetto, da parte dei candidati, dei termini e delle modalità sopra indicate per la presentazione della domanda comporterà la non ammissibilità al concorso.

  8. Non verranno prese in considerazione domande trasmesse in forma diversa da quella sopra descritta. Non verranno presi in considerazione eventuali documenti o integrazioni della domanda inviati con modalità diversa da quelle previste dal presente bando.

  9. Si consiglia ai candidati di presentare la domanda in anticipo rispetto al termine ultimo e comunque con adeguati margini di tempo.

  10. La registrazione, la compilazione e l’invio on line della domanda devono essere completati entro e non oltre il termine perentorio di 30 giorni a decorrere dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente bando di selezione sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana, IV Serie Speciale Concorsi, 90 del 12.11.2021, e sul sito istituzionale dell’Ente.

  11. Qualora il termine di scadenza cada in giorno festivo, la scadenza è prorogata al primo giorno feriale utile.

  12. Pertanto, il modulo on line sarà disponibile fino alle ore 23:59 del 30° giorno dalla pubblicazione dell’estratto del presente bando in Gazzetta Ufficiale.

  13. Per la presentazione della domanda è necessario consultare e seguire le istruzioni riportate nel “MANUALE ISTRUZIONI”, presente sulla piattaforma on line.

  14. La domanda di ammissione al concorso costituisce per il candidato dichiarazione resa sotto la propria responsabilità, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, consapevole delle conseguenti relative sanzioni previste all’art. 76 del citato D.P.R. per le ipotesi di falsità in atti e di dichiarazioni mendaci.

  15. Per la partecipazione alla selezione è previsto il versamento, non rimborsabile, di un contributo di Euro 10,00, da effettuarsi:

  • mediante pagamento online con il sistema PAGO PA, accessibile direttamente dal sito istituzionale dell’Ente, sezione Diritti Vari, previa autentificazione con SPID, CNS o CIE;

  • su c.c.p. n. 23003809 intestato al Comune di Lacco Ameno (Na) – Servizio di Tesoreria, indicando nella causale “COGNOME NOME contributo spese concorso Istruttore Contabile”;

  • con bonifico bancario presso la Tesoreria Comunale di Lacco Ameno, Banco di Napoli, Ag. di Lacco Ameno IBAN: IT98 W030 6939 9420 0390 0000 003 indicando nella causale “COGNOME NOME contributo spese concorso Istruttore Contabile”;

  1. Le attività di compilazione e di invio telematico delle candidature dovranno essere completate entro le 23.59.59” del 30 giorno successivo alla pubblicazione del presente bando in Gazzetta Ufficiale.

  2. Si precisa che l’iscrizione è possibile solo per chi è in possesso dei requisiti di ammissione definiti dal presente bando. A tal proposito i candidati sono consapevoli delle sanzioni penali nel caso di dichiarazione non veritiera e falsità negli atti come previsto dall’art. 76 del D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m..

  3. L’Amministrazione Comunale di Lacco Ameno non assume responsabilità per eventuali ritardi/disguidi informatici comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente, oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda.

  4. Nella domanda dovranno essere indicate le generalità complete del concorrente e dovrà essere inserita una dichiarazione con la quale il candidato dovrà precisare espressamente, sotto la propria personale responsabilità ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000, quanto segue:

  • il cognome, il nome, la data e il luogo di nascita, il codice fiscale, la residenza, il recapito telefonico e l’indirizzo mail, preferibilmente pec, accompagnato dall’impegno di comunicare per iscritto all’ufficio personale del Comune le eventuali variazioni di indirizzo;

  • lo stato civile (per i coniugati va precisato il numero dei figli);

  • la cittadinanza italiana;

  • il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

  • il godimento dei diritti civili e politici;

  • di non aver riportato condanne penali definitive o provvedimenti definitivi del Tribunale (L. 13.12.1999 N. 475) o condanne o provvedimenti di cui alla L. 97/2001 che impediscono, ai sensi delle vigenti disposizioni, la costituzione del rapporto di impiego presso la Pubblica Amministrazione. In caso contrario, dovranno essere dichiarate le condanne riportate (anche qualora si stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale) e i procedimenti penali eventualmente pendenti, dei quali dovrà essere specificata la natura;

  • di non aver subito condanne penali per reati previsti nel capo I del Titolo II del libro II del codice penale, ai sensi dell'art. 35 bis del D.Lgs. 165/2001;

  • di non essere stato destituito, dispensato o licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;

  • di non essere stato dichiarato decaduto da un impiego statale ai sensi dell’art. 127, 1° comma; lett. D) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3;

  • di avere idoneità fisica all’impiego ed alle mansioni proprie del profilo professionale riferito al posto messo a concorso;

  • la posizione nei riguardi degli obblighi di leva (per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985);

  • il titolo di studio posseduto, l'anno scolastico, la scuola presso la quale è stato conseguito e la votazione riportata, nonché eventuali altri titoli di studio dei quali il concorrente sia in possesso. Per i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesta la dichiarazione di equivalenza ai sensi della normativa in materia che dovrà essere allegata alla domanda di partecipazione al concorso;

  • la conoscenza della lingua inglese;

  • di avere buona conoscenza delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse;

  • l’eventuale esperienza lavorativa alle dipendenze di Pubbliche Amministrazioni in uguale posto nella cat. C o superiori con indicazione della Pubblica Amministrazione e del periodo di lavoro;

  • di aver preso visione integrale del bando di concorso e di accettare incondizionatamente tutte le norme contenute nell’avviso e nel regolamento comunale per l’accesso agli impieghi, nonché le eventuali modifiche che vi potranno essere apportate;

  • di autorizzare al trattamento dei dati personali finalizzato alla gestione della procedura concorsuale e agli adempimenti conseguenti;

  • di avere piena conoscenza e di accettare che il servizio da prestare sarà articolato su 36 ore settimanali da svolgersi con le modalità stabilite dal Comune di Lacco Ameno in conformità alle disposizioni contrattuali di comparto vigenti;

  • l’accettazione senza riserve delle norme contenute nel presente bando, dei regolamenti e di tutte le condizioni stabilite dallo stato giuridico e dal trattamento economico vigente per i dipendenti del Comune di Lacco Ameno e relative modifiche nonché del Codice di comportamento;

  • la dichiarazione di consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi della Legge 196/2003 per l’espletamento della procedura concorsuale e per l’eventuale assunzione;

  • il possesso di uno dei titoli che conferiscono eventuali diritti di precedenza o preferenza nella nomina, a parità di punteggio, ai sensi dell’art. 5 del D.P.R 9 maggio 1994 n. 487.

  1. Dopo aver completato la procedura di compilazione, il candidato dovrà effettuare la stampa della domanda, la quale, debitamente sottoscritta con firma autografa o con firma digitale, dovrà essere allegata alla piattaforma per concludere l’iter di iscrizione. Al termine della procedura il candidato riceverà una e-mail di conferma di avvenuta iscrizione. Senza l’arrivo della mail di avvenuta iscrizione la procedura NON è conclusa.

  2. ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE DEVONO ESSERE ALLEGATI:

  3. copia fronte e retro di un proprio documento di identità in corso di validità, ai sensi dell’art.38, comma 3, D.P.R. n. 445/2000;

  4. copia della ricevuta di versamento del contributo di partecipazione alla selezione pubblica;

  5. copia del Curriculum Vitae del candidato in formato europeo, in cui siano indicati chiaramente tutti gli elementi atti alla valutazione dei titoli da parte della Commissione Esaminatrice. I titoli dichiarati in maniera non chiara, parziale o non deducibile non saranno valutati. (parte aggiunta da noi se va bene)

  6. L’omesso versamento della tassa di concorso entro il termine di presentazione della domanda comporta l’esclusione dalla selezione.

  7. Sono sanabili entro termini di svolgimento del procedimento di concorso, le seguenti irregolarità ed omissioni inerenti le domande ed i documenti di rito:

  • omissione, incompletezza o irregolarità di formulazione di una o più dichiarazioni richieste, se tali requisiti non possono essere desunti altrove, ad eccezione di quelle la cui mancanza comporta l'esclusione dalla selezione ai sensi del successivo art. 5;

  • mancata acclusione della ricevuta comprovante l'avvenuto versamento della tassa di partecipazione, a condizione che il versamento sia stato effettuato entro i termini di scadenza di presentazione delle domande di partecipazione alla selezione;

  1. L'amministrazione comunale ha facoltà di invitare il candidato attraverso convocazione con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, o PEC o con altro mezzo ritenuto idoneo, alla regolarizzazione della domanda entro il termine fissato dal Responsabile competente.

  2. La mancata regolarizzazione della domanda da parte del candidato entro i termini assegnati comporta l'esclusione dalla selezione.

  3. In caso di dubbi sui requisiti di ammissione, o sulle dichiarazioni rese, sia nell’interesse del candidato, sia nell’interesse generale al corretto svolgimento delle prove, l’Ente dispone l’ammissione alla prima prova con riserva. Lo scioglimento della riserva è subordinato alla verifica dell’effettivo possesso dei requisiti.

  4. Qualsiasi altra omissione o irregolarità non contemplata nell'elenco sopra indicato comporta l'esclusione dalla selezione ai sensi dell’art. 5.

  5. Non è comunque sanabile e comporta l’esclusione dalla procedura selettiva l’invio della domanda di partecipazione mediante procedure diverse da quelle previste dal presente bando.

ART.4

AMMISSIONE DEI CANDIDATI.

  1. All'ammissione dei candidati si procederà a seguito dell'analisi delle domande di partecipazione presentate entro i termini di cui all’art 3 del presente bando di selezione, verificando il solo possesso dei requisiti richiesti immediatamente rilevabili nella stessa. E' fatta salva la facoltà dell’Ente di disporre l’ammissione con riserva, nel rispetto di quanto disposto dal vigente regolamento.

  2. L'ammissione o l’eventuale esclusione dei candidati al concorso pubblico verrà comunicata mediante pubblicazione sul sito Internet dell’Ente all’indirizzo comunelaccoameno.it (sezione "AVVISI"), pertanto sarà a cura di ogni singolo candidato l’onere dell’informazione.

  3. L’Amministrazione può inoltre disporre l’ammissione con riserva dei candidati per i quali si rendano necessarie integrazioni o perfezionamenti delle istanze di ammissione presentate che, a seguito di istruttoria, risultino incomplete o comunque caratterizzate da irregolarità sanabili; allo stesso modo si procede nei casi in cui sorgano dubbi sul possesso dei requisiti di ammissione: in quest’ultimo caso lo scioglimento della riserva viene subordinato alla verifica dell’effettivo possesso dei requisiti richiesti. L’ammissione con riserva sarà comunicata con le stesse modalità previste per l’ammissione. L’integrazione dovrà essere sottoscritta e consegnata prima dell’effettuazione della preselezione e in caso quest’ultima non fosse espletata prima della 1^ prova scritta.

ART. 5

ESCLUSIONE D’UFFICIO

  1. Costituiscono motivi d'esclusione d'ufficio:

  • l'inoltro della domanda oltre il termine di cui all'art. 3;

  • invio della domanda di partecipazione mediante procedure diverse da quelle previste dal presente bando;

  • la mancata sottoscrizione della domanda, in forma autografa o digitale;

  • la mancata presentazione della fotocopia integrale di un documento di riconoscimento in corso di validità;

  • la mancanza dei requisiti richiesti all’art.1.

  1. Il responsabile del procedimento pronuncerà l’esclusione dalla selezione per difetto dei requisiti prescritti.

  2. Qualora risulti non veritiera una delle dichiarazioni previste nella domanda di partecipazione al concorso o delle dichiarazioni rese ai sensi del D.P.R. 445/2000, sarà disposta la decadenza da ogni diritto conseguente alla partecipazione alla selezione stessa, ovvero la risoluzione del rapporto di lavoro, eventualmente già costituito.

ART. 6

PRESELEZIONE

  1. Qualora il numero dei candidati ammessi sia superiore a 50 (cinquanta), verrà effettuata una preselezione da svolgersi attraverso quiz a risposta multipla il cui contenuto è da riferirsi ad argomenti di cultura generale. La Commissione, per l’organizzazione della prova preselettiva e per la correzione dei test oggetto della predetta prova potrà essere coadiuvata da esperti o società specializzate nello svolgimento di tali tipi di selezione. La prova di preselezione servirà esclusivamente a determinare il numero dei candidati ammessi alla prova scritta; il relativo esito non costituisce punteggio, né elemento aggiuntivo di valutazione nel prosieguo del concorso. La mancata presentazione del concorrente alla prova di preselezione ne comporterà l’esclusione dal concorso.

  2. Al termine della prova preselettiva, verrà stilata una graduatoria in base al punteggio conseguito. I candidati classificati utilmente nei primi trenta posti della graduatoria della prova preselettiva saranno ammessi a partecipare alla prova scritta, che avrà luogo nella medesima giornata delle preselezioni. I candidati ammessi dovranno presentarsi, con le modalità indicate all’articolo precedente, senza necessità di alcuna notifica o comunicazione scritta.

  3. I candidati classificati a pari merito al trentesimo posto, ultimo posto utile ai fini della preselezione, saranno tutti ammessi alla prova scritta. I candidati classificatisi oltre il trentesimo posto non saranno ammessi alla prova scritta, con esclusione dal concorso.

ART. 7

PROVE D’ESAME

  1. Le prove d’esame sono le seguenti:

1° Prova scritta (Quiz)

La prova consiste in domande a risposta multipla sulle materie di seguito riportate miranti ad accertare la qualificazione professionale:

  1. Elementi di diritto costituzionale e di diritto amministrativo, principi, strumenti, regole e istituti dell’attività amministrativa;

  2. Elementi di diritto civile e di diritto penale, con particolare riferimento ai reati contro la P.A.;

  3. Ordinamento istituzionale, finanziario, contabile delle Autonomie Locali;

  4. Contabilità Pubblica;

  5. Diritto Finanziario e Tributario;

  6. Norme in materie di procedimento amministrativo e di diritto di accesso agli atti di cui alla L. 241/90 e ss.mm. e ii.;

  7. Normativa sull’affidamento di contratti pubblici di forniture, servizi e lavori;

  8. Disciplina sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni Pubbliche (D.lgs. n.165 del 30 marzo 2001, D.lgs. n.75/2017, Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro degli Enti Locali) e sul codice di comportamento dei dipendenti pubblici.

  9. Contabilità inerente il Pubblico Impiego;

  10. Norme in materia di Prevenzione della Corruzione, trasparenza e privacy.

Per la valutazione della prova scritta, la commissione dispone di 30 punti. Essa si intende superata qualora il candidato riporti una votazione non inferiore a 21/30(ventuno/trentesimi), precisando che per ogni risposta esatta sarà attribuito punti 1, per ogni risposta omessa o errata punti 0.

Per la realizzazione della prova scritta, la Commissione esaminatrice del concorso, sia per quanto riguarda l’organizzazione che la correzione dei test potrà avvalersi di sistemi informatizzati (lettori ottici, ecc.) e potrà essere coadiuvata da esperti o società specializzate nell’organizzazione di tali tipi di selezione.

2° Prova orale (colloquio)

       La prova orale alla quale parteciperanno tutti i concorrenti che avranno superato la precedente prova scritta con almeno 21/30 verterà sulle medesime materie oggetto della prova scritta. La prova orale consisterà in un colloquio interdisciplinare sulle suindicate materie e tenderà ad accertare, oltre alla preparazione e alla professionalità del candidato, l’attitudine ad assolvere alle funzioni specifiche del posto da ricoprire. Nel corso della prova orale sarà accertata la buona conoscenza della lingua inglese, nonché dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

       Saranno ritenuti idonei i candidati che, a discrezione insindacabile degli esaminatori, avranno conseguito nella prova orale almeno 21/30 (ventuno/trentesimi).

ART. 8

CALENDARIO DELLE PROVE

  1. L’eventuale preselezione viene sin d’ora fissata per il giorno 17/12/2021 alle ore 10,00 presso la Palestra comunale “ Valentino Aceti ” in via Fundera.

  2. La 1° prova scritta viene sin d’ora fissata per il giorno 17/12/2021 alle ore 14,00 presso la Palestra comunale “Valentino Aceti” in via Fundera. Nel caso in cui alla data e all’ora fissata per lo svolgimento della preselezione di cui all’art. 7 si presentino 50 o meno di 50 candidati, la 1° prova scritta (quiz) si svolgerà alle ore 9,00 del 16/12/2021.

  3. La 2° prova orale viene sin d’ora fissata per il giorno 21/12/2021 alle ore 10,00 presso la Palestra comunale “Valentino Aceti” in via Fundera.

  4. I candidati ammessi dovranno presentarsi alla preselezione e alle prove scritta e orale muniti di valido documento di riconoscimento, a pena di esclusione, alle predette date, orari e sedi di svolgimento senza necessità di notifiche da parte del Comune di Lacco Ameno, che si limiterà a pubblicare ogni successivo avviso inerente il concorso all’Albo Pretorio online e sul sito istituzionale dell’Ente comunelaccoameno.it.; pertanto sarà a cura di ogni singolo candidato l’onere dell’informazione. Tale forma di pubblicità costituisce notifica ad ogni effetto di legge.

  5. Saranno ammessi a sostenere la prova orale esclusivamente i candidati che avranno risposto esattamente conseguendo una votazione non inferiore a 21/30 (ventuno/trentesimi) nella prova scritta, nel tempo stabilito dalla commissione giudicatrice, ricordando che alle risposte esatte verrà assegnato punti uno, alle omesse ed errate punti zero.

  6. Considerati i tempi ristretti di gestione del procedimento ai candidati sarà data comunicazione, mediante pubblicazione all’Albo Pretorio on-line consultabile sul sito internet dell’Ente, dell’avvenuta ammissione o dell’esclusione alla prova scritta e alla prova orale, con l’indicazione del voto riportato nella preselezione e nella prova scritta.

 

ART. 9

COMUNICAZIONI SULLE PROVE

  • Tutti gli avvisi inerenti la eventuale preselezione e le prove scritta ed orale saranno pubblicati esclusivamente sul sito istituzionale dell’Ente; tale pubblicazione avrà valore di convocazione ufficiale per i candidati risultanti in possesso dei requisiti e dei titoli richiesti e, quindi, ammessi alla procedura. Non saranno inoltrate ulteriori comunicazioni al domicilio dei candidati.

  • L’elenco dei candidati ammessi con riserva e di quelli esclusi, gli esiti delle prove d’esame e dell’eventuale preselezione, al termine dello svolgimento di ciascuna fase della procedura, e ogni altra comunicazione inerente il concorso in argomento saranno resi pubblici esclusivamente mediante pubblicazione sul sito istituzionale dell’Ente. Tale forma di pubblicità costituisce notifica a ogni effetto di legge.

  • I candidati ammessi saranno tenuti, pertanto, a presentarsi alla eventuale prova preselettiva e alle prove d’esame, senza necessità di alcun preavviso, nei giorni, nell’ora e nel luogo rispettivamente indicato, muniti di valido documento di riconoscimento, a pena di esclusione.

 

ART. 10

COMMISSIONE ESAMINATRICE

La commissione esaminatrice della selezione sarà nominata dopo la scadenza del termine per la presentazione delle domande con Determinazione del Responsabile Unico del Procedimento formata da due esperti e dal Presidente, e assistita da un segretario verbalizzante individuati e nominati con le modalità ed i criteri stabiliti dall’art. 26 del Regolamento Comunale sull’accesso agli impieghi.

La commissione esaminatrice potrà essere integrata, prima dell’espletamento della prova orale, con un componente esperto per l’accertamento delle conoscenze della lingua inglese, nominato con lo stesso provvedimento indicato al comma precedente.

Salvo motivata impossibilità, almeno uno dei tre componenti della commissione deve essere di sesso femminile, in conformità a quanto previsto dall’art. 9, comma 2, del D.P.R. n. 487/94.

 

     ART. 11

VALUTAZIONE DEI TITOLI

  1. Ai sensi del vigente regolamento, ai fini della valutazione, i titoli sono suddivisi in quattro categorie; i complessivi 10 punti a essi riservati sono così ripartiti:

1

TITOLI DI STUDIO

4

2

TITOLI DI SERVIZIO

4

3

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

1

4

TITOLI VARI E CULTURALI

1

 

totali

10

  1. La commissione procederà alla valutazione dei titoli secondo il seguente dettaglio:

  • TITOLI DI STUDIO - fino ad un massimo di punti 4 così ripartiti:

Per il titolo di studio richiesto per l’accesso alla categoria in maniera proporzionale alla votazione conseguita così come di seguito specificato:

Titoli espressi in sessantesimi

Titoli espressi in centesimi

Punteggio

da 36 a 42

da 60 a 70

1,0

da 43 a 48

da 71 a 80

2,0

da 49 a 54

da 81 a 90

3,0

da 55 a 59

da 91 a 99

3,5

60

100

4,0

Nessun particolare punteggio sarà attribuito ai titoli di studio superiori a quello richiesto per l’ammissione, titoli che saranno valutati tra i titoli vari.

  • TITOLI DI SERVIZIO - fino ad un massimo di punti 4 così ripartiti:

I titoli di servizio saranno valutati come segue:

  1. servizio prestato nello stesso servizio del posto a concorso (per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni):

a.1 - stessa categoria o superiore ..............……………………………….......... punti: 0,25

a.2 - in categoria inferiore ………………………………….............................. punti: 0,15

  1. servizio prestato in un servizio diverso da quello del posto a concorso (per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni):

b.1 - stessa categoria o superiore .................…………………………………… punti:0,20

b.2 - in categoria inferiore .......................……………………………………… punti:0,10

I servizi con orario ridotto saranno valutati con gli stessi criteri, in proporzione. I servizi prestati in più periodi saranno sommati prima dell'attribuzione del punteggio.

  • CURRICULUM PROFESSIONALE – fino ad un massimo di punti 1.

Nel curriculum formativo e professionale, sono valutate le attività professionali e di studio, formalmente documentate, non riferibili ai titoli già valutati nelle precedenti categorie.

Tali attività sono valutabili, secondo i criteri stabiliti dalla commissione e nei limiti del complessivo punteggio riservato alla relativa categoria, purché attinenti all’ambio di attività o, comunque, alla posizione funzionale del posto a concorso.

In tale categoria rientrano, in linea di massima, gli incarichi professionali svolti presso pubbliche amministrazioni, la partecipazione a congressi, convegni, corsi di specializzazione, aggiornamento, seminari inerenti all’attività del posto a concorso, anche come docente o relatore, nonché gli incarichi di insegnamento conferiti da enti pubblici.

  • TITOLI VARI – fino ad un massimo di punti 1:

Nella categoria dei titoli vari sono valutati, a discrezione della commissione e nei limiti del complessivo punteggio a tale categoria riservato, tutti gli altri titoli che non siano classificabili nelle categorie precedenti.

  1. Si consiglia di allegare copia delle certificazioni dei titoli alla domanda di partecipazione, in particolare con riferimento al curriculum formativo. Dalla dichiarazione del possesso dei titoli devono risultare tutti gli elementi necessari alla valutazione, in mancanza dei quali non verrà attribuito alcun punteggio.

  2. La commissione attribuisce a ciascun candidato ammesso il punteggio relativo ai titoli dopo l’espletamento della prova scritta.

  3. Dell’esito di tale valutazione sarà data comunicazione ai candidati esclusivamente attraverso pubblicazione sul sito web istituzionale dell’Ente.

 

ART. 12

GRADUATORIA

  1. Al termine della prova orale, la Commissione, che dispone di 30 punti per ciascuna prova e di 10 punti per i titoli, predispone la graduatoria di merito. Il punteggio finale è dato dal voto conseguito nella prova scritta cui si somma il voto conseguito nella prova orale ed il punteggio ottenuto per i titoli.

  2. La graduatoria di merito è formata secondo la votazione riportata da ciascun candidato, con osservanza, a parità di punteggio, dei titoli di preferenza e precedenza previsti dal vigente regolamento comunale per l’accesso agli impieghi e dall’art. 5, del D.P.R. n. 487/1994 e successive modifiche. In caso di ulteriore parità, sarà preferito il candidato più giovane d’età, ai sensi dell’art. 2, co. 9, della n. 191/1998.

  3. La Commissione, una volta formata la graduatoria di merito, ne predispone la pubblicazione all’Albo Pretorio on line.

  4. Contemporaneamente, la graduatoria viene trasmessa al Responsabile del I Settore Affari Generali, che, con proprio atto, la approva e dichiara il vincitore del posto messo a concorso.

  5. La graduatoria di merito derivante della presente selezione resta valida per anni tre dalla data di approvazione, fatte salve diverse disposizioni di legge in materia.

 

ART. 13

ASSUNZIONE IN SERVIZIO

  1. L’assunzione in servizio del candidato classificatosi primo in graduatoria avverrà con contratto di lavoro individuale, secondo le disposizioni di legge, delle norme comunitarie e del contratto collettivo nazionale del comparto Regioni-Autonomie locali in vigore.

  2. L’ente, prima di procedere a tale stipula ha facoltà di accertare, a mezzo struttura pubblica, il possesso dell’idoneità fisica necessaria all’espletamento delle funzioni di competenza. Qualora il candidato non si presenti o rifiuti di sottoporsi alla visita sanitaria, ovvero se il giudizio di idoneità sia sfavorevole non si procederà alla stipula del contratto.

  3. Il candidato dichiarato vincitore sarà assunto in servizio, in via provvisoria, con riserva di accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la nomina, e per un periodo di prova, nel rispetto delle disposizioni stabilite dall’art. 14 bis del CCNL 06.07.1995.

  4. In caso di rinuncia o successiva decadenza del nominato, l’Ente si riserva la facoltà di procedere alla sua sostituzione mediante la nomina di altro concorrente risultato idoneo, secondo l’ordine della graduatoria.

  5. Si precisa che il presente bando non fa sorgere a favore dei candidati alcun diritto all’assunzione e che l’assunzione in servizio è, comunque, subordinata alla verifica del rispetto delle disposizioni tutte vigenti in materia all’atto dell’assunzione.

ART. 14

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

  1. In ottemperanza a quanto disposto dal D.lgs. n. 196 del 30.06.2003 e dalle successive modifiche ed integrazioni, i dati personali forniti dai concorrenti ovvero raccolti dall’Amministrazione saranno trattati esclusivamente per le finalità di gestione della selezione pubblica e successivamente per le pratiche inerenti la gestione del rapporto di lavoro. Il trattamento sarà effettuato sia con strumenti cartacei sia con supporti informatici a disposizione degli uffici, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza. Il conferimento di tali dati è obbligatorio per la partecipazione alla procedura selettiva, pena l'esclusione dalla stessa. 

  2. Le medesime informazioni saranno comunicate al personale dipendente dell'Amministrazione Comunale coinvolto nel procedimento, ai membri della Commissione Esaminatrice, ed eventualmente ad altri Enti che facciano richiesta della graduatoria per assunzioni a tempo indeterminato.

  3. Si fa presente che sottoscrivendo la domanda di partecipazione il candidato acconsente al trattamento dei propri dati personali per le finalità legate all'espletamento della procedura selettiva (ivi compresa la pubblicazione all’Albo e/o al sito Internet delle risultanze delle prove).

  4. L'interessato gode dei diritti stabiliti nel citato decreto, tra i quali il diritto di accesso ai dati che lo riguardano, il diritto di chiederne l'aggiornamento, la rettifica ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.

  5. Tali diritti potranno essere fatti valere nei confronti del Comune di Lacco Ameno, in qualità di titolare del trattamento.

  6. Il responsabile del trattamento è il Responsabile del I Settore Affari Generali – Servizio Risorse Umane.

ART. 15

COMUNICAZIONE AI SENSI DELLA LEGGE N. 241 DEL 07.08.1990

  1. La comunicazione di avvio del procedimento, ai sensi dell'art. 7 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e ss.mm.ii., si intende realizzata con la pubblicazione del presente avviso ed il procedimento stesso avrà avvio a decorrere dalla data di scadenza prevista per la presentazione delle domande di partecipazione.

  2. Ai sensi dell'art. 8 della richiamata legge, inoltre, si informa che il responsabile del procedimento è l’avv. Lucrezia Galano e che gli atti possono essere visionati presso il Servizio Affari Generali del Comune di Lacco Ameno. Il procedimento si concluderà entro i termini previsti per legge.

  3. La tutela giurisdizionale si attua davanti al Tribunale Amministrativo Regionale Campania.

 

ART. 16

PUBBLICITÀ

  1. Il presente bando è pubblicato in forma integrale all’Albo Pretorio dell’Ente sul sito web istituzionale comunelaccoameno.it.

  2. Al fine di assicurare la massima informazione, il presente bando è pubblicato per estratto sulla Gazzetta Ufficiale, IV Serie Speciale Concorsi ed Esami, n. 90 del 12.11.2021.

 

ART. 17

DISPOSIZIONI FINALI

  1. L’Amministrazione ha la facoltà di modificare, sospendere temporaneamente, riaprire i termini della scadenza del bando di concorso. Può anche revocare il concorso bandito, quando lo richiede l’interesse pubblico. Pertanto, la partecipazione alla selezione comporta esplicita accettazione di tale riserva, con conseguente esclusione di qualsiasi pretesa all’assunzione, nonché del diritto a qualsivoglia compenso o indennizzo, a qualsiasi titolo, anche risarcitorio.

  2. Per quanto non previsto dal presente bando si fa riferimento alle norme previste nel vigente Regolamento comunale sull’accesso agli impieghi, ai contratti collettivi di lavoro nazionali per il personale dipendente EE., nonché al D.P.R. 9.5.1994, n. 487 e succ. modifiche e alla vigente normativa in materia, compresa quella adottata in relazione alla pandemia in corso.

  3. Per eventuali chiarimenti e/o informazioni gli interessati potranno rivolgersi presso il I Settore Affari Generali del Comune di Lacco Ameno - tel. 081/3330899 - 0813330812.

 

La Responsabile del I Settore Affari Generali

Avv. Lucrezia Galano

 

BANDO DI CONCORSO.PDF