PDF Stampa E-mail

Il Sindaco Restituta Irace
dal discorso di presentazione al Consiglio comunale
nella seduta di insediamento del 9 giugno 2007

In primo luogo rivolge un vivissimo ed affettuoso saluto a tutti i cittadini di Lacco Ameno, poi al sindaco uscente Domenico De Siano, ai consiglieri neo-eletti, al segretario comunale Antonio Capuozzo, ai dipendenti , al corpo di polizia municipale ed al suo comandante auspicando che tutti si impegnino ad espletare le proprie funzioni nell’esclusivo interesse della cittadinanza.
Auspica che il civico consesso sappia “esprimersi, pur nella differenza delle posizioni politiche, nel modo giusto per collaborare all'attuazione del programma, sapendo anche proporre in maniera chiara e corretta le giuste critiche costruttive e consentendo alla nuova amministrazione, come egregiamente dimostrato nelle precedenti consiliature, di amministrare nel miglior modo possibile il comune”.
Assicura il proprio impegno concreto e quotidiano per essere sempre a fianco del cittadino di cui i consiglieri comunali ed il sindaco in primo luogo sono servitori.
Puntualizza che il suo impegno si concretizzerà attraverso l'azione continua e la capacità organizzativa necessaria, per dirigere al meglio la squadra degli assessori e dei Consiglieri di maggioranza, tutti muniti di delega operativa per valorizzare al meglio le loro indiscusse capacità.
Invita quindi i consiglieri di minoranza ad esercitare in maniera responsabile, chiara e corretta il loro ruolo, perché, trascorso l'acceso periodo elettorale, la loro azione sia dettata da un sano spirito democratico, critico e costruttivo.
Afferma che l’obiettivo primario del nuovo sindaco è migliorare la qualità della vita dei cittadini, prestare attenzione al benessere di ognuno di essi. Altro obiettivo importante per i prossimi anni, afferma, è “il compimento di quelle iniziative progettuali, strutturali ed infrastrutturali, orientate al miglioramento dei servizi per il cittadino, iniziative che hanno reso la nostra comunità protagonista in positivo sulla scena isolana”.
La Casa Comunale, afferma, sarà il centro promotore per lo sviluppo dell'economia locale e dei bisogni dell'intera comunità, in grado di coniugare in senso moderno e riformista, in termini di efficienza, di efficacia ed economicità, sviluppo economico e difesa dell'ambiente, solidarietà sociale e crescita occupazionale.
Ricorda che il suo programma è basato su cinque punti fondamentali:
- i lavori pubblici con la gestione del territorio e la qualificazione ambientale
- l'urbanistica e l'edilizia privata
- le politiche sociali, scolastiche e di promozione dello sport
- lo sviluppo del turismo di qualità insieme alla promozione turistica e culturale
- la politica interisolana.
L’ economia di Lacco Ameno è sostanzialmente turistica, per cui i progetti realizzati e quelli in essere vanno in questa direzione: potenziare e migliorare le strutture del comune, zone periferiche comprese, per migliorare la vita dei cittadini e nello stesso tempo offrire ai turisti che intendono soggiornare da noi i giusti motivi per farlo. Si sofferma, quindi, sui progetti in fase di realizzazione avanzata, quali il nuovo approdo turistico, denominato "Marina del capitello" sottolineando che trattasi di progetto ambizioso che sarà per il paese un'ulteriore, importante risorsa dal punto di vista economico, turistico, sociale e culturale, un ulteriore volano per lo sviluppo del territorio. Ricorda ancora che a tale importante progetto è legato il restyling del litorale, con il ripascimento di tutto il litorale dall'albergo della Regina Isabella al Capitello e lo spostamento verso il largo delle scogliere esistenti.
Assume impegno che il RUEC (Regolamento Urbanistico Territoriale) sarà sottoposto a al consiglio in tempi brevissimi per la definitiva approvazione.
Particolare attenzione verrà rivolta ai ragazzi ed ai giovani attraverso un'attenta politica che combatta il disagio giovanile nelle sue varie forme (le cosiddette dipendenze); saranno potenziati i programmi di informazione e prevenzione attuati in sinergia con le scuole e le famiglie, sviluppando l'azione di inserimento degli stessi nel contesto sociale (con lo sport e l'associazionismo culturale) e soprattutto !'inserimento lavorativo.
Sottolinea l’impegno concreto per le scuole, gli alunni e le loro famiglie. Assicura che in tempi brevi verrà completata la palestra presso la scuola media della Fundera che darà una notevole possibilità ai giovani di praticare attività sportive che non siano solo il calcio.
Si sofferma quindi ad illustrare dettagliatamente il suo programma per la valorizzazione del patrimonio culturale lacchese e la promozione turistica, impegnandosi ad organizzare eventi programmati, in collaborazione con le associazioni culturali e con gli enti di promozione turistica nonché il patrocinio di Regione, Provincia e Ministero dei Beni Culturali.
Infine illustra la politica interisolana che si pone come proseguimento dell’impegno profuso negli ultimi anni, impegno ampiamente riconosciuto dalle altre comunità locali per la soluzione dei problemi che coinvolgono tutti i comuni isolani, tra i quali quelli legati alla mobilità ed alla viabilità, alla sanità, al turismo, alla raccolta e smaltimento dei rifiuti.
Chiude il suo preciso, puntuale ed apprezzato intervento rivolgendo un pensiero di gratitudine personale alla sua famiglia e ai tanti amici che le sono sempre vicini rassicurando tutti che non li deluderà.